Un’altra novità di quest’anno è una serie di brevi conferenze (circa 45 minuti ciascuna) a partire dalle 14, con ospiti alcuni dei membri della giuria. Tutte le conferenze saranno in italiano o tradotte in italiano da inglese o spagnolo.

  • Dietro le quinte di National Geographic, con Tino Soriano
    Scopriamo, con il fotografo spagnolo di National Geographic, come i fotografi e i redattori si organizzano per preparare e svolgere gli incarichi, e diamo anche uno sguardo ai dipartimenti meno noti del National Geographic.
  • Salviamo i grandi felini, con Sergio Pitamitz
    Ammireremo splendide immagini del fotografo di natura e conservazione, collaboratore di National Geographic. Le immagini documentano i grandi felini – leoni, leopardi, ghepardi, tigri e giaguari – che purtroppo sono in grave pericolo di estinzione. Sergio Pitamitz racconterà le storie dietro le immagini e le cause declino di queste specie.
  • National Geographic: storie dal mio giardino, con Joe Petersburger
    L’effetto dell’uomo sul riscaldamento globale è oggi fuori discussione. Il viaggio ne costituisce una parte significativa. Il fotografo ungherese e professore in biologia, ci mostrerà che è possibile trovare nuovi soggetti da studiare e fotografare anche a km0, senza emettere tonnellate di CO2.
  • FOTOgraphia, un pezzo di storia della fotografia, con Lello Piazza
    Lello Piazza, ex photo editor di Airone, ci parla della rivista FOTOgraphia, che da 25 anni scrive di tecnica, riflette sul linguaggio, sulla storia, il costume e il mestiere in fotografia. Talvolta uno spazio speciale è dedicato al passato della tecnica fotografica e all’antiquariato. E, più raramente, ad argomenti come il numero 42, il baseball e i buchi neri.

Commenta l'articolo

Il tuo commento